INFORMATIVA E PROCEDURE DI SICUREZZA PER I LAVORATORI, I DOCENTI, GLI ALLIEVI, I COLLABORATORI TECNICI E ARTISTICI, I CANDIDATI AGLI ESAMI D’AMMISSIONE

PER LA RIPRESA DELLE ATTIVITA’ LAVORATIVE, DI DIDATTICA, DI STUDIO INDIVIDUALE, DI ESAMI CURRICOLARI E DI AMMISSIONE, DI LABORATORIO, ESERCITAZIONI E PROVE DI SPETTACOLO 

ADDENDUM AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI (a cura del S.P.P.) 

 

Premesse correlate ai contenuti del Protocollo e delle procedure: 

  1. in data 24 aprile 2020, è stato integrato il “Protocollo condiviso di regolazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro” sottoscritto il 14 marzo 2020 a cui il Governo ha dato attuazione inserendolo come allegato al DPCM del 26/4/2020;
  2. il COVID-19 rappresenta un rischio biologico generico, per il quale occorre adottare misure uguali per tutta la popolazione;  
  3. la prosecuzione delle attività lavorative, di didattica, di studio individuale, di laboratorio, di esercitazione e di prove di spettacolo può avvenire solo in presenza di condizioni che assicurino alle persone che lavorano, ai docenti, ai collaboratori artistici e tecnici, agli studenti e ai candidati allievi, adeguati livelli di protezione;
  4. la mancata attuazione del Protocollo che non assicuri adeguati livelli di protezione determina la sospensione dell’attività fino al ripristino delle condizioni di sicurezza;
  5. va favorito il confronto preventivo con le rappresentanze sindacali presenti nei luoghi di lavoro affinché ogni misura adottata possa essere condivisa e resa più efficace dal contributo di esperienza delle persone che lavorano, in particolare degli RLS e degli RLST, tenendo conto della specificità di ogni singola realtà produttiva e delle situazioni territoriali;
  6. l’obiettivo del Protocollo ufficiale emesso in data 24 aprile 2020 è quello fornire indicazioni operative finalizzate ad incrementare negli ambienti di lavoro le misure precauzionali e di contenimento per contrastare l’epidemia di COVID-19;
  7. l’obiettivo del presente documento, emesso in data 29 aprile 2020, è quello di adattare i contenuti del Protocollo agli ambienti dell’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica “Silvio d’Amico”, Istituzione AFAM, fornendo indicazioni operative finalizzate ad incrementare, negli ambienti di lavoro e di studio l’efficacia delle misure precauzionali di contenimento per contrastare l’epidemia di COVID-19;
  8. le misure organizzative e di prevenzione saranno verificate e aggiornate con riferimento ai successivi aggiornamenti di legge o alle specifiche prescrizioni Regionali.

 

 

 

Di seguito le misure di precauzione previste dal Protocollo e adottate come procedure di sicurezza nelle Sedi dell’Accademia che ogni lavoratore, docente, allievo, collaboratore tecnico e artistico e candidato è tenuto scupolosamente a rispettare.

 

 

 

 

 

RIFERIMENTO PROTOCOLLO  QUANDO  DETTAGLIO PROCEDURA DI SICUREZZA 
INFORMAZIONE

PRIMA

di avviarsi al lavoro

/lezione/esame/laboratorio didattico/esercitazione/produzione teatrale e/o di spettacolo

Controllare la propria temperatura corporea.

 

Obbligo di rimanere al proprio domicilio in presenza di febbre (oltre 37.5°) o altri sintomi influenzali e di chiamare il proprio medico di famiglia e informare l’Autorità sanitaria

PRIMA

di avviarsi al lavoro

/lezione/esame/laboratorio didattico/esercitazione/produzione teatrale e/o di spettacolo

Obbligo di non fare ingresso o di non permanere in Accademia, e obbligo di doverlo dichiarare tempestivamente, laddove sussistano le condizioni di pericolo (sintomi di influenza, temperatura oltre 37.5, provenienza da zone a rischio o contatto con persone positive al virus nei 14 giorni precedenti, etc).

In questi casi resta l’obbligo di informare il medico di famiglia e l’Autorità sanitaria e di rimanere al proprio domicilio.

PRIMA

di avviarsi al lavoro

/lezione/esame/laboratorio didattico/esercitazione/produzione teatrale e/o di spettacolo

Leggere attentamente, prima di iniziare l’attività lavorativa, di didattica e di produzione teatrale, le disposizioni e le indicazioni riportate negli avvisi affissi all’ingresso e nei luoghi di passaggio laddove maggiormente visibili o consegnati mediante gli appositi dépliant informativi.

DURANTE il lavoro

/lezione/esame/laboratorio didattico/esercitazione/produzione teatrale e/o di spettacolo

Impegno a rispettare tutte le disposizioni delle Autorità e in particolare dell’Accademia per l’accesso in ogni sede dell’Istituzione o in ogni spazio destinato alla didattica o alla produzione teatrale (in particolare, mantenere la distanza di sicurezza di un metro e 50, osservare le regole di igiene delle mani, tenere comportamenti corretti sul piano dell’igiene e utilizzare in modo corretto i DPI così da contribuire a prevenire ogni possibile forma di diffusione di contagio).

Impegno a informare tempestivamente e responsabilmente i legali rappresentanti dell’Accademia e loro delegati (Presidente, Direttore, Direttore Amministrativo e di Ragioneria) della presenza di qualsiasi sintomo influenzale durante l’espletamento della prestazione lavorativa o durante l’orario di didattica, di esame, di laboratorio e/o di produzione teatrale e/o di spettacolo, avendo cura di rimanere ad adeguata distanza dalle persone eventualmente presenti.

MODALITÀ DI INGRESSO

PRIMA

di avviarsi al lavoro

/lezione/esame/laboratorio didattico/esercitazione/produzione teatrale e/o di spettacolo

Obbligo di fornire dichiarazione sulla temperatura corporea.

 

I responsabili dell’Accademia si riservano la possibilità di sottoporre a controllo della temperatura corporea il personale, i docenti, gli allievi, i collaboratori artistici e tecnici e i candidati prima dell’accesso al luogo di studio, di esame, di lavoro, di laboratorio, di esercitazione e produzione teatrale e/o di spettacolo.

Qualora la temperatura corporea risulti oltre 37.5°, vige il divieto di recarsi al Pronto Soccorso. Il lavoratore, il docente, lo studente, il collaboratore artistico e tecnico, il candidato sarà messo in isolamento momentaneo, lontano dagli altri presenti e fornito di mascherina. Egli dovrà contattare nel più breve tempo possibile il proprio medico curante e seguire le sue indicazioni.

L’ ingresso di lavoratori, docenti, studenti, collaboratori artistici e tecnici, candidati  già risultati positivi all’infezione da COVID 19 dovrà essere preceduto da una preventiva comunicazione avente ad oggetto la certificazione medica da cui risulti la “avvenuta negativizzazione” del tampone secondo le modalità previste e rilasciata dal dipartimento di prevenzione territoriale di competenza.
GESTIONE ENTRATA E USCITA DEI DIPENDENTI, DEI DOCENTI, DEGLI ALLIEVI, DEI COLLABORATORI ARTISTICI E TECNICI, DEI CANDIDATI DEGLI ESAMI D’AMMISSIONE

PRIMA

di avviarsi al lavoro

/lezione/esame/laboratorio didattico/esercitazione/produzione teatrale e/o di spettacolo

I lavoratori, i docenti, gli allievi, i collaboratori tecnici e artistici e i candidati arriveranno in Accademia in modo autonomo; si sconsiglia l’uso di automezzi unificati che non consentono il rispetto della distanza di sicurezza. In caso di impiego di mezzi pubblici usare sempre la mascherina e i guanti che dovranno essere sostituiti all’ingresso in Accademia.

Rispettare gli orari di ingresso/uscita che saranno previsti dall’Istituzione su fasce scaglionate in modo da evitare il più possibile contatti con altri lavoratori, docenti, allievi, collaboratori tecnici e artistici e candidati nelle zone comuni (ingressi, servizi igienici, locali comuni, ecc.).

Nella sede principale, verrà destinato il portone principale per l’accesso dei lavoratori, dei docenti, degli allievi, del personale artistico e tecnico, dei candidati mentre l’uscita sarà prevista dal portone secondario sito nell’atrio antecedente la segreteria didattica.

Per il teatro studio Eleonora Duse, l’ingresso – se possibile – sarà previsto dal n. 6, ingresso in condivisione con il Conservatorio e con l’Accademia santa Cecilia, mentre l’uscita sarà dal portone che immette direttamente nella ambiente platea del teatro.

In caso di impossibilità di uso dei doppi accessi, sarà cura di ogni utente utilizzare gli accessi uno per volta, mantenendo le prescritte distanze di sicurezza.

Utilizzare i detergenti a disposizione segnalati da apposite indicazioni e forniti a ogni piano e in ogni Sede dell’Istituzione.

PRECAUZIONI IGIENICHE PERSONALI

DURANTE il lavoro

lezione/esame/laboratorio didattico/esercitazione/produzione teatrale e/o di spettacolo

Adottare tutte le precauzioni igieniche, in particolare è raccomandata la frequente pulizia delle mani con acqua e sapone o utilizzando i prodotti detergenti messi a disposizione in ogni servizio igienico e in ogni piano e Sede dell’Istituzione.

 

Arieggiare il più spesso possibile i locali chiusi

DISTANZA DI SICUREZZA E

D.P.I.

DURANTE  il lavoro

lezione/esame/laboratorio didattico/esercitazione/produzione teatrale e/o di spettacolo

Obbligo di lavorare/studiare/provare/recitare/allestire, ecc. a distanza di almeno 1 metro e 50 uno dall’altro. Quando ciò non fosse possibile è sempre necessario l’uso delle mascherine e dei dispositivi di sicurezza personale. 

Si raccomanda comunque l’uso costante della mascherina e l’uso dei guanti quando ci sia rischio di contatto con parti o attrezzature comuni, ovvero a contatto con le mani degli altri operatori/docenti/allievi/ collaboratori tecnici e artistici/candidati.

Preferire i DPI monouso. In caso di utilizzo personale ripetuto dei DPI, è necessario conservarli singolarmente in buste di plastica e non lasciarli incustoditi

Raccogliere i DPI usati in apposite contenitori dotati di busta che a fine turno /lezione/laboratorio/prova teatrale dovrà essere chiusa ed eliminata tra i rifiuti.

SPOSTAMENTI INTERNI, RIUNIONI, EVENTI INTERNI E FORMAZIONE

DURANTE  il lavoro

lezione/esame/laboratorio didattico/esercitazione/produzione teatrale e/o di spettacolo

Spostamenti interni alla Sede devono essere limitati al minimo indispensabile e nel rispetto di quanto esplicitamente autorizzato.

Non sono consentite riunioni in presenza se non espressamente autorizzate dalla Presidenza e/o Direzione e con il rispetto delle indicate misure di distanziamento sociale. Se urgenti e necessarie, in assenza di collegamento a distanza, una volta ottenuta l’autorizzazione della Presidenza e/o Direzione, ridurre al minimo la partecipazione e garantire il distanziamento interpersonale ed adeguata pulizia/areazione dei locali

GESTIONE SPAZI COMUNI

 

DURANTE il lavoro

lezione/esame/laboratorio didattico/esercitazione/produzione teatrale e/o di spettacolo

 

L’organizzazione e la sanificazione degli spogliatoi nella sede centrale e dei camerini nel teatro Studio “Eleonora Duse” consente di lasciarli nella disponibilità dei docenti e degli studenti per depositare gli indumenti per le prove e gli oggetti personali, garantendo idonee condizioni igieniche sanitarie. L’accesso agli spogliatoi e ai camerini – così come ai servizi igienici – dovrà rigorosamente avvenire una persona alla volta.

Per l’accesso agli spazi comuni è necessario rispettare le seguenti prescrizioni:

– la ventilazione continua dei locali

– la turnazione nella fruizione

– il tempo ridotto di permanenza all’interno di tali spazi

– il mantenimento della distanza di sicurezza di 1 metro e 50 cm. tra le persone che li occupano contemporaneamente.

MODALITÀ DI ACCESSO DEI FORNITORI ESTERNI SOLO IN CASO ID NECESSITA’ per l’ingresso di fornitori e terzi

Non è consentito l’accesso a terzi non autorizzati per nessun motivo.

In caso di consegne e forniture:

– se possibile, gli autisti devono rimanere a bordo dei mezzi di trasporto;

– per carico e scarico rispettare rigorosamente la distanza di 1 m e indossare o far indossare i guanti;

– per tutto il personale esterno vige il divieto di utilizzo servizi igienici interni.

 

Ogni eventuale servizio di trasporto organizzato dall’Accademia deve garantire e rispettare la sicurezza dei lavoratori lungo ogni spostamento

ORGANIZZAZIONE

 

DURANTE  il lavoro

lezione/esame/laboratorio didattico/esercitazione/produzione teatrale e/o di spettacolo

Negli ambienti di lavoro/studio/lezione/laboratorio didattico/esercitazione/prova teatrale e/o di spettacolo dove operano più lavoratori/docenti/allievi/collaboratori tecnico artistici e candidati

dovrà essere contemporaneamente previsto:

1. – il riposizionamento delle postazioni di lavoro, distanziate tra loro così da mantenere la distanza minima di 1 metro e 50 cm;

2. – IL NUMERO MASSIMO DI PRESENZE di allievi, docenti e collaboratori artistici e tecnici (ed eventualmente candidati), così come definito dall’all.1, facente parte di questo protocollo.

3. – Le posizioni e i movimenti all’interno delle varie aule, e all’interno degli spazi teatrali DEVONO PREVEDERE UN DISTANZIAMENTO DI ALMENO 1 METRO e 50 cm UNO DALL’ALTRO. Quando ciò non fosse possibile è necessario l’uso delle mascherine e dei dispositivi di protezione personale.

Si raccomanda comunque l’uso costante della mascherina in presenza di altre persone e l’uso dei guanti quando ci sia rischio di contatto con parti o attrezzature comuni, ovvero a contatto con le mani degli altri operatori/docenti/allievi/collaboratori artistici e collaboratori tecnici/candidati.

 

Rispettare rigorosamente l’orario di servizio o di didattica e/o di prove teatrali, nonché le disposizioni di uso degli spazi previste dalla Direzione e indicate in calendario, per evitare situazioni di criticità dovute alla compresenza di più lavoratori/docenti e/o allievi negli stessi spazi e tempi.

UTILIZZARE solo gli spazi ESPLICITAMENTE PREVISTI IN CALENDARIO  o indicati nei rispettivi mansionari.

Usare le scale e le porte uno alla volta con indosso la mascherina.

Rispettare la turnazione come strumento per diminuire al massimo i contatti e per creare gruppi autonomi, distinti e riconoscibili.

Chiudere tutti gli ambienti di lavoro, di didattica e di prove teatrali non interessati dalle attività specifiche.

Organizzare il proprio lavoro in modo tale che le attrezzature e le postazioni di lavoro vengano utilizzate dalle medesime persone durante il turno di lavoro. Organizzare, le lezioni, gli esami, le esercitazioni, i laboratori didattici e le prove teatrali e/o di spettacolo in modo che gli oggetti e le attrezzature vengano utilizzate dalle medesime persone durante l’orario di lezione, di esame, di laboratorio e/o di prova.

A fine turno, a fine lezione/esame/laboratorio/esercitazione/ prova assicurare la pulizia e la sanificazione (con i prodotti appositamente forniti dall’Istituzione) delle parti a contatto con le mani degli operatori e/o degli utenti sia delle attrezzature e delle postazioni di lavoro fisse, che del materiale didattico e di prova utilizzato, nonché delle maniglie, delle pulsantiere e delle tastiere dei computer e delle strumentazioni tecniche. Tale pulizia deve essere garantita e assicurata personalmente dagli stessi utenti.

Si precisa che ogni dipendente sarà responsabile in particolare della pulizia giornaliera e della sanificazione con i prodotti appositamente forniti della sua postazione di lavoro, compreso divisorio in plexigrass e degli strumenti in utilizzo (computer, stampante, scanner, ecc.)

 

PULIZIA E SANIFICAZIONE NELLE SEDI DELL’ISTITUZIONE A FINE TURNO/ ATTIVITA’

In presenza di lavoratori/ docenti/ allievi/ collaboratori tecnici e artistici/ candidati, l’Accademia assicura la pulizia giornaliera e la sanificazione periodica dei locali, degli ambienti, delle aule, del teatro, delle postazioni di lavoro e delle aree comuni.

La sanificazione deve essere sempre eseguita da personale specializzato mentre la pulizia può essere svolta dal personale interno o da apposita ditta all’uopo individuata. La sanificazione va sempre preceduta da una pulizia accurata per garantirne i risultati attesi.

Dovrà essere puntualmente eseguita la pulizia a fine turno dei servizi igienici, dei locali e delle attrezzature di uso comune utilizzati durante la giornata lavorativa, di didattica, studio individuale, esami, laboratori, esercitazioni e prove teatrali e/o di spettacolo (servizi, piani di lavoro, maniglie, pulsantiere, attrezzature di uso comune, ecc).

Per la pulizia preferire prodotti a base di ipoclorito o etanolo (varechina e alcol) per una maggior efficacia della pulizia stessa su quelle parti a possibile contatto di più persone.

In caso di sintomatologia allergica il dipendente sarà fornito di altro sanificante adatto allo scopo e non allergizzante.

Gli addetti interni alla pulizia devono usare DPI per la protezione delle vie aree, degli occhi, delle mani e del corpo (guanti in gomma, mascherina, visiera e grembiule protettivo. Preferire i DPI monouso.

GESTIONE DI UNA PERSONA SINTOMATICA NELL’ISTITUZIONE

DURANTE il lavoro

/lezione/esame/laboratorio didattico/esercitazione/produzione teatrale e/o di spettacolo

Nel caso in cui una persona presente in Accademia sviluppi febbre e sintomi di infezione respiratoria quali la tosse:

– si dovrà procedere al suo isolamento momentaneo, in base alle disposizioni dell’Autorità sanitaria,

– l’Accademia procede immediatamente ad avvertire le Autorità sanitarie competenti mediante i numeri di emergenza per il COVID-19 forniti dalla Regione o dal Ministero della Salute:

 

(NUE 112 – N. Pubblica Utilità 1500 – N. verde Regione Lazio 800 11 88 00); 

– l’Accademia collabora con le Autorità sanitarie per la definizione degli eventuali “contatti stretti” di una persona presente in Accademia che sia stata riscontrata positiva al tampone COVID-19. Ciò al fine di permettere alle Autorità di applicare le necessarie e opportune misure di quarantena, nel periodo dell’indagine, l’Accademia potrà chiedere agli eventuali possibili contatti stretti di lasciare cautelativamente la Sede, secondo le indicazioni dell’Autorità sanitaria.

AGGIORNAMENTO DEL PROTOCOLLO DI REGOLAMENTAZIONE  PERIODICAMENTE

È costituito in Accademia un Comitato per l’applicazione e la verifica delle regole del protocollo di regolamentazione e delle procedure interne anti contagio.

 

Il presente documento sarà utilizzato per il controllo periodico dell’applicazione de rispetto delle misure di protezione

 


 

AVVISO DEL 21 OTTOBRE 2020

Gentili docenti, allievi, personale in servizio,

a seguito delle disposizioni del  DPCM n.194 del 12 ottobre 2020 e suoi allegati, ribadite nel successivo DPCM del 19 ottobre

la Direzione fa presente che:

 

  • È necessario il più rigoroso rispetto delle convocazioni alle lezioni/prove in presenza, per permetter alla segreteria didattica una precisa conoscenza e archiviazione degli studenti compresenti, così come è ora disposto dall’art.n. 22 comma 3 del suddetto DPCM:
    Presupposto importante per la gestione  dei  casi  confermati  e sospetti di COVID-19 e’ che gli Atenei  si  dotino  di  sistemi  che consentano di conoscere il nominativo degli studenti iscritti a  ogni corso o a  ogni  turno  del  corso,  ove  presenti  (con  riferimento all’aula e al giorno).
    Tali elenchi devono essere predisposti e devono  essere  conservati per almeno 14 giorni dalla data di ogni lezione per  essere  messi  a disposizione del Dipartimento di prevenzione che potrebbe richiederli per eventuali attivita’ di  contact  tracing.

È quindi assolutamente necessario che i calendari e gli Odg comunicati alla segreteria e pubblicati siano attendibili e assolutamente non modificabili, se non con l’autorizzazione della Direzione.

Non sarà consentito l’accesso alle sedi dell’Istituzione a nessuna persona, se non con formale aurorizzazione della Direzione.

 

  • Per analogia con l’art.1 comma 6 lettera s) “sono sospesi i viaggi d’istruzione, le iniziative di scambio o gemellaggio, le  visite  guidate  e  le  uscite  didattiche  comunque denominate”, sono sospesi sopralluoghi ed attività esterne, se non indispensabili per l’attività didattica e di spettacolo, e preventivamente autorizzati dalla Direzione.

 

  • Al fine di facilitare il tracciamento  e  l’identificazione  dei contatti stretti e di quelli casuali laddove si verificassero i  casi di cui ai punti 4 e 5, gli studenti, i docenti e il personale tecnico amministrativo dell’Accademia sono fortemente invitati a dotarsi  della app IMMUNI tenendola attiva durante i periodi di presenza negli spazi dell’Accademia.

Punto 4.  Nel  caso  in  cui  l’Ateneo  venga  a  conoscenza,  attraverso l’Autorita’ Sanitaria Competente, di un caso confermato  di  COVID-19 riferito a uno studente  o  a  un  docente  presente  in  aula  o  al personale tecnico amministrativo preposto alle attivita’ di  supporto alla didattica, in un determinato giorno, collabora,  attraverso  gli Uffici  della  Sicurezza   con   l’autorita’   sanitaria   competente (Dipartimento di Prevenzione) all’adozione delle  misure  necessarie.

In particolare sempre in raccordo con il DdP dispongono  la  chiusura dell’aula e la disinfezione e sanificazione della stessa, secondo  le procedure previste dai protocolli in vigore;  supportano  l’attivita’ di  contact  tracing   trasmettendo   contestualmente   all’Autorita’ Sanitaria Competente l’elenco  dei  docenti,  del  personale  tecnico amministrativo e degli  studenti  iscritti  all’insegnamento  e/o  al

turno con il caso confermato nel periodo compreso tra  i  due  giorni precedenti l’inizio dei sintomi o l’effettuazione del  tampone  e  la data d’inizio dell’isolamento. Inoltre a  tali  studenti,  docenti  e personale tecnico amministrativo gli Uffici della Sicurezza  inviano, sempre  in  accordo  con  DdP  comunicazione  raccomandando,  in  via cautelativa, di isolarsi a casa e la sorveglianza passiva dei sintomi e invitando a seguire pedissequamente le disposizioni  dell’Autorita’ Sanitaria  Competente.   Spetta   infatti   all’Autorita’   Sanitaria Competente    l’effettuazione    dell’indagine    epidemiologica    e l’individuazione  delle  eventuali  misure   da   attuare   (ad   es.quarantena, isolamento, sorveglianza attiva, etc). La  ripresa  delle attivita’  didattiche  in   presenza   sono   subordinate   all’esito dell’indagine epidemiologica e alle raccomandazioni del  Dipartimento di Prevenzione.

  In ogni caso, fatte salve diverse comunicazioni e  disposizioni  da parte  dell’Autorita’  Sanitaria  Competente  si  consiglia  per  gli studenti, i docenti e il personale tecnico amministrativo a  supporto della didattica la ripresa dell’attivita’ in presenza solo al termine di un  periodo  di  quindici  giorni,  anche  in  considerazione  che l’attivita’  didattica  puo’  proseguire  on-line  e  non  e’  quindi

sospesa. La medesima procedura viene attivata anche per le  attivita’ curriculari.

Punto 5. Nel caso in cui si identifichi in  aula  e/o  durante  attivita’ curriculare un caso sospetto (cioe’ un  soggetto con temperatura corporea al di  sopra  di  37,5°C,  o  sintomatologia compatibile  con  Covid-19),  questo  va  immediatamente  dotato   di mascherina  chirurgica  (qualora  non  ne  fosse   gia’   dotato)   e adeguatamente isolato  (in  una  stanza  dedicata  o  in  un’area  di isolamento)  dalle  altre  persone,  se   non   quelle   strettamente necessarie a una sua assistenza e  che  comunque  dovranno  indossare mascherine  chirurgiche  e  cercare,  nei  limiti  consentiti   dalla situazione di stare ad almeno un metro  di  distanza.  E’  necessario provvedere a che lo stesso possa ritornare al  proprio  domicilio  al piu’ presto possibile, invitandolo a contattare il proprio medico  di base (MMG) o in sua assenza  l’USCA  o  il  DdP  per  la  valutazione clinica necessaria e l’eventuale prescrizione del  test  diagnostico. L’area di  isolamento  e  quella  frequentata  dal  soggetto  con  la sintomatologia dovranno essere sanificate in via straordinaria.    Non e’ indicata, in  questo  caso,  la  sospensione  dell’attivita’ didattica in presenza, che  ovviamente  sara’  disposta  in  caso  di conferma del caso sospetto.  Il  caso,  a  questo  punto confermato, inneschera’ la procedura di cui al precedente punto 4.

 

Cordiali saluti

IL DIRETTORE

Prof.ssa Daniela Bortignoni