Sei in: BACHECA / SPETTACOLI
Vox Family per la regia di Francesco Petruzzelli al Teatro de´ Servi

Stagione Fuoriclasse
13 / 15 maggio 
Teatro de' Servi

VOX FAMILY
scritto e diretto da Stagione Fuoriclasse
13 / 15 maggio 
Teatro de' Servi

VOX FAMILY
scritto e diretto da Francesco Petruzzelli
con Lorenzo ParrottoCarlotta Mangione, Roberta Azzarone,Irene Ciani, Giulia GalloneMichele LisiLuigi Biava

Vincitore Premio InDivenire 2017 nelle categorie miglior Testo, miglior Spettacolo e Miglior Attrice Protagonista 

Mamma si prende cura del figlio Astro convinta che sia un genio. Un composto di relazioni contraddittorie che procede con ritmo spiazzante tra incursioni in realtà parallele e degenerate.

Sette personaggi per una trama in fondo semplice, ma molto significativa. Mamma si prende cura del figlio Astro, in assenza di Padre, troppo codardo. Ciò che rende tutto grottesco, è la convinzione della Mamma di aver generato in Astro un genio, dotato di intelligenza e abilità fuori dall´ordinario. Un composto di relazioni ironicamente contraddittorie, capaci di ritrarre, attraverso un gioco di multipli, i vezzi delle più classiche dimensioni familiari. Le scene si susseguono con ritmo spiazzante e frequenti incursioni in realtà parallele e degenerate.
con Lorenzo ParrottoCarlotta Mangione, Roberta Azzarone,Irene Ciani, Giulia GalloneMichele LisiLuigi Biava

Vincitore Premio InDivenire 2017 nelle categorie miglior Testo, miglior Spettacolo e Miglior Attrice Protagonista 

Mamma si prende cura del figlio Astro convinta che sia un genio. Un composto di relazioni contraddittorie che procede con ritmo spiazzante tra incursioni in realtà parallele e degenerate.

Sette personaggi per una trama in fondo semplice, ma molto significativa. Mamma si prende cura del figlio Astro, in assenza di Padre, troppo codardo. Ciò che rende tutto grottesco, è la convinzione della Mamma di aver generato in Astro un genio, dotato di intelligenza e abilità fuori dall´ordinario. Un composto di relazioni ironicamente contraddittorie, capaci di ritrarre, attraverso un gioco di multipli, i vezzi delle più classiche dimensioni familiari. Le scene si susseguono con ritmo spiazzante e frequenti incursioni in realtà parallele e degenerate. 

 

Torna a Spettacoli