Sei in: SAGGI E SPETTACOLI / SAGGI ESERCITAZIONI REGIA
MY GENERATION

Esercitazioni degli allievi del III anno del corso di regia a cura di Francesco Manetti. Teatro studio E. Duse dal 13 al 14 aprile ore 19:30

http://www.accademiasilviodamico.it/public/galleria1/205042018153556_media1.jpg

MY GENERATION
esercitazioni degli allievi del III anno
del Corso di Regia

a cura di
Francesco Manetti
TEATRO STUDIO "E. DUSE"
13 e 14 aprile ore 19.30

Il 13 e il 14 aprile l'Accademia Nazionale d'Arte Drammatica "Silvio d'Amico" presenta My Generation, esercitazioni degli allievi registi di III anno con la guida di Francesco Manetti.

Quando i cuccioli si fanno assassini
La violenza è tema per eccellenza: da Eschilo a Sarah Kane, passando per Shakespeare, il teatro ha da sempre cercato la forma più adatta per rappresentarla e esorcizzarla. Quando mi è stato proposto di fare da supervisore ad una esercitazione degli allievi registi di terzo anno, ho voluto che lavorassero su questo. Volevo però che partissero da zero, che affrontassero un intero processo creativo. Ho scelto così di non farli lavorare su testi esistenti ma su fatti di cronaca, dai quali trarre una drammaturgia originale. Volevo inoltre che fossero fatti ai quali potessero sentirsi vicini, episodi di cronaca nera che avessero come protagonisti dei giovanissimi. Come ultimo tassello abbiamo deciso che ad andare in scena fossero gli allievi attori di primo anno i giovanissimi, appunto ultimi arrivati in Accademia, diretti dai loro fratelli maggiori.
Francesco Manetti

Da queste premesse è nato il progetto MY GENERATION, suddiviso in tre spettacoli:

NON ERANO STATI GLI ALBANESI MA DUE RAGAZZINI INNAMORATI, scritto dall´allieva diplomata MATILDE D´ACCARDI e diretto da TOMMASO CAPODANNO, allievo del terzo anno del corso di Regia, racconta la vicenda di quello che è passato alle cronache come il delitto di Novi Ligure: nel 2001, due adolescenti innamorati uccisero a coltellate la madre e il fratellino di lei.

I millenials sono una generazione a cavallo tra due sistemi educativi completamente diversi: il primo, quello tradizionale, basato su valori assoluti, comuni a tutta la società; il secondo, invece, basato su valori relativi, diversi per ogni singolo sistema famigliare.
A partire da questa riflessione e dallo studio del noto episodio di cronaca nera avvenuto nel 2001 a Novi Ligure, nasce lo spettacolo Non erano stati gli albanesi ma due ragazzini innamorati.
Tommaso Capodanno

NON ERANO STATI GLI ALBANESI MA DUE RAGAZZINI INNAMORATI
DRAMMATURGIA MATILDE D´ACCARDI
REGIA TOMMASO CAPODANNO
Con gli allievi attori di primo anno:
ANDREA DANTE BENAZZO
ANNA BISCIARI
FEDERICO FIOCCHETTI
CARLOTTA GAMBA
MICHELE ENRICO MONTESANO
LUCA NENCETTI
EVELINA ROSSELLI
CATERINA ROSSI
LENA SEBASTI
e l´allievo regista di primo anno
ANDREA LUCCHETTA


SHOOTAROUND è scritto e diretto da Paolo Costantini, allievo del terzo anno del corso di Regia. Il lavoro è incentrato sulla strage compiuta da due liceali nel 1999 presso la Columbine High School. È il primo attacco in un liceo americano raccontato minuto per minuto in diretta televisiva, la madre di tutte le stragi scolastiche che si sono susseguite negli anni successivi e che da questa, spesso, hanno tratto ispirazione.

Un universo giovanile diviso in vincitori e perdenti, malato di narcisismo, dove i rapporti umani si definiscono solo nel conflitto. Quali ferite provoca questa semplificazione dell´immagine del mondo? Da questa domanda nasce la nostra ricerca intorno al massacro del 20 aprile 1999 alla Columbine High School. Una ricerca che non ha risposte ma lascia delle immagini che continuano a riverberare nella nostra testa, dopo vent´anni.
Paolo Costantini

SHOOTAROUND
REGIA E DRAMMATURGIA DI PAOLO COSTANTINI
con gli allievi attori di primo anno:
CECILIA BERTOZZI
MARCO FANIZZI
ILARIA MARTINELLI
ELENA ORSINI BARONI
DAVIDE PANIZZA
SOFIA PANIZZI
DIEGO PARLANTI
EROS PASCALE
GIOVANNI SCANU

BUNNY GAMES, diretto dall´allievo regista del terzo anno MARCO FASCIANA, si ispira al massacro del Circeo del 1975, in cui tre ventenni di buona famiglia, per 48 ore torturarono e stuprarono due ragazze, per poi, credendole morte, chiuderle nel portabagagli della loro auto. Una delle due, Donatella Colasanti, era però sopravvissuta. La sua testimonianza permise di portare alla luce i fatti. Il processo che ne seguì, di grande impatto mediatico, ha fatto da spartiacque per la legislazione in materia di violenza sulle donne.

Il massacro del Circeo è una sintesi perfetta dei meccanismi che regolano e muovono l´essere umano: violenza, tortura, sesso, fratellanza, senso di appartenenza.
Un mito contemporaneo. Ci sono gli uomini, ci sono le donne.
Su tutto, un dubbio: è lecito rappresentare la violenza?
Marco Fasciana

BUNNY GAMES
REGIA E DRAMMATURGIA DI MARCO FASCIANA
MUSICHE: DOMENICO ALVARO
Con gli allievi attori di primo anno:
CIRO BORRELLI
ADELE CAMMARATA
LORENZO CIAMBRELLI
ANASTASIA DOAGA
VINCENZO GRASSI
ENRICO ELIA INSERRA
e l´allievo regista di primo anno
LUIGI SIRACUSA
----
SUPERVISIONE: FRANCESCO MANETTI
REGISTA ASSISTENTE: GIACOMO BISORDI
COSTUMI: GRAZIELLA PEPE
LUCI: PASQUALE MARI
VIDEO: GIACOMO MIELI
DIRETTORE DI SCENA: CAMILLA PICCIONI
TECNICO DEL SUONO: LUCA GAUDENZI
ASSISTENTE VOLONTARIO: LUCA VASSOS
FOTO DI SCENA: MANUELA GIUSTO

Info e prenotazioni:
Posti limitati - prenotazione obbligatoria al n. 334 1835543 attivo dal 9 aprile
(dal lun. al sabato ore 10.00-13.00 e 14.00-17.00)

http://www.accademiasilviodamico.it/public/galleria1/209042018111709_media1.jpg

RASSEGNA STAMPA
Corriere della sera  articolo di Emilia Costantini



 


Scarica   CS My Generation.pdf
    pieghevole MY GENERATION.pdf
    Corriere della sera.pdf

 

Torna a Saggi Esercitazioni Regia